Lavoro in Inghilterra: come costruire una truffa e come smontare tutto l’imbroglio

Analizziamo oggi una truffa che sta sempre più prendendo piede in questi tempi di crisi: il posto di lavoro a Londra a condizioni strabilianti!

Generalmente si tratta di posizioni nel settore dell’ospitalità alberghiera e della ristorazione, dove sedicenti manager fingono di rappresentare rinomati hotel di Londra e vi offrono un posto di lavoro senza neppure intervistarvi di persona, proponendo condizioni lavorative da sogno!

E infatti per chi cadrà nella loro trappola rimarrà proprio un sogno…

Ma proviamo adesso ad analizzare meticolosamente la truffa, riferendoci ad un annuncio recentissimo che – spero – verrà stroncato da questo mio articolo.

Da dove proviene l’annuncio?

Tattica: L’imbroglione mette il suo annuncio su tanti motori di ricerca italiani dedicati al lavoro.

Motivo: Il primo passo giusto per l’imbroglione è questo: più sono le ingenue persone che può imprigionare nella sua rete e più sono le probabilità di successo.

Contromisura: pensateci bene. I grandi alberghi di Londra, secondo voi, hanno proprio bisogno di mettere un annuncio online?

No, non ne hanno bisogno: è proprio per evitare perdite di tempo (quindi intralci che sul lavoro inficiano sulla produttività) che i grandi alberghi londinesi (e non solo loro) hanno tutti un’apposita sezione sul loro sito relativa alle offerte di lavoro oppure relativa alla possibilità di inviare il proprio curriculum vitae.

Il nome di tale sezione può cambiare, ma lo scopo è sempre lo stesso: evitare di perdere tempo e far perdere tempo ad eventuali aspiranti candidati.
Se volete candidarvi in un albergo di Londra, quindi, utilizzate direttamente l’apposita sezione del relativo sito.

Che cosa ricerca l’annuncio?

Tattica: L’annuncio che mi è capitato tra le mani è stato pensato davvero bene, devo ammetterlo. Il nome coinvolto è altisonante, si tratta del Park Plaza Westminster Bridge London Hotel. Se vi recate sul loro sito ufficiale, scoprirete che il prestigioso albergo londinese dispone di:

  • 443 camere Superior
  • 512 monolocali
  • 64 suite e Penthouse

e quindi è logico che una struttura così grande e lussuosa possa richiedere un numero così elevato di personale.

Logico quindi che sia alla ricerca di chef, maîtres, magazzinieri, camerieri, facchini, ascensoristi, inservienti, autisti, portieri, segretari, addetti alla sicurezza, lavandaie, eccetera.

Motivo: Per i truffatori mettere in campo un nome altisonante costituisce un’alta probabilità di successo, dato che tale nome è una garanzia di solidità e affidabilità. Non desta sospetto, quindi, che l’enorme struttura alberghiera sia alla ricerca di personale così eterogeneo nei compiti, anche se qualificato. E il fatto che a cercare tutto quel personale sia un grande albergo ha un’altra motivazione che vi spiegherò più tardi.

Contromisura: pensateci bene ancora una volta. Con tutta la manodopera che c’è a Londra, con tutti i disperati immigrati alla ricerca di un lavoro per un tozzo di pane è possibile che un grande albergo sia alla ricerca di un manutentore proprio qui in Italia? Non esiste un idraulico disoccupato a Londra o un elettricista iscritto nelle liste del collocamento della capitale britannica?

Il nome altisonante per voi che rispondete agli annunci non è solo una garanzia di solidità e affidabilità: incute anche un certo timore reverenziale e quindi porta indirettamente ad abbassare la guardia. Il fatto che vi sia richiesto di inviare un curriculum vitae anche in italiano non vi insospettisce proprio?

Voi inviate il curriculum, loro inviano il questionario!

Tattica: incredibilmente, dopo pochissimi giorni dall’invio del curriculum vi arriva già la risposta da parte del Park Plaza Westminster Bridge London Hotel con oggetto “Application Received {Fill and Return Interview Form ASAP}”.

A scrivervi in inglese è Andrew Gifford, Executive HR Officer del Park Plaza Hotel.

Se cercate su Internet scoprite che la persona esiste e lavora proprio lì. Ma in realtà non è lui a scrivervi, però.

La risposta ha un esordio a dir poco pieno di buone intenzioni per chi è alla ricerca disperata di un posto di lavoro.

Following the recruitment exercise of workers/staff personnel here at Park Plaza Westminster Bridge London Hotel, we have received your application and appreciate your submission. Members of our recruitment team have reviewed your CV/Resume and with their recommendations submitted to the management for consideration of your application, the Management of Park Plaza Westminster Bridge London Hotel are considering having you as one of its member of staffs. Hence we are contacting you to further evaluate your accomplishments, credentials, and experiences against various job opportunity for which you have applied and against the other candidates who also have applied for the same job.

Qualche errore grammaticale di inglese c’è, ma secondo voi probabilmente la colpa è del vostro traduttore online o del vostro inglese arrugginito, non certo del Responsabile delle Risorse Umane di questo colosso alberghiero!

Di seguito, ecco la spiegazione della presenza del file allegato (un documento di Word dal nome “PARK PLAZA HOTEL INTERVIEW FORM”).

Neppure il tutto maiuscolo è casuale nella psicologia di questi truffatori: il tutto maiuscolo sottolinea l’importanza del documento e incute sempre un certo timore reverenziale.

Attached herewith is an Online Assessment/Interview Form containing some questions which the management would like you to answer. We will like to you carefully go through this form and provide us with the answers to each of the questions stated therein to the best of your knowledge. We want to bring to your notice that oral interviews may not take place due to limited time frame among other reasons. Selection process would be strictly based on screened Resume/CV and response to our online assessment form with reference to your work experience. On this note, you are required to answer the questions to the best of your best of your knowledge.

Avete letto bene: “We want to bring to your notice that oral interviews may not take place due to limited time frame among other reasons”, l’albergo non può effettuare interviste orali (colloqui di lavoro individuali) a causa del tempo limitato.

Quindi l’Executive HR Officer si è fidato della vostra richiesta in italiano, non sa neppure se capite un’acca di inglese, se avete la “erre” moscia, se siete muti o se siete un terrorista fanatico che vuole farsi assumere per fare una strage di infedeli occidentali ospiti dell’albergo, non sa neppure che esiste Skype e quindi l’Executive HR Officer sulla fiducia della vostra bella voce (?) e del vostro forbito inglese vi invia il questionario. Tutto questo a causa della mancanza di tempo…

As soon as we receive your response to our questions we will furnish you with more details as regards your job application. Should you be selected to move forward in the hiring process, you will be contacted about next steps. We thank you for your interest in Park Plaza Westminster Bridge London Hotel and wish you the best of luck. Please note that the primary job location for this employment is in the United Kingdom. This means that successful applicant will be required to relocate to the United Kingdom.

Sottile psicologia anche in questi paragrafi. Fate presto a rispondere al questionario, qualcuno potrebbe soffiarvi il posto. E tenetevi pronti ad emigrare, finalmente, nella favolosa Londra, eh?

For further inquiries and detailed information relating to your job status please do not hesitate to contact us immediately via email or call any of the numbers below and we shall respond to all your questions.

+44 704 575 7338

Ovviamente la disponibilità e la cordialità di questo truffatore esige che si chiuda la lettera con le solite frasi di circostanza e con il solito recapito telefonico per maggiori informazioni.

Ma perché “il solito recapito”? Perché se cercate su Internet scoprirete che il recapito appartiene, di volta in volta, ad una sedicente Chiesa-di-non-so-che o ad una multinazionale-di-non-so-cosa.

Il recapito telefonico è un tocco di “ufficialità”: c’è un numero di telefono, vi pare che un truffatore metta il suo numero di telefono?

Sì, lo mette tranquillamente.

Tanto sa che voi, timorosi di disturbare l’Executive HR Officer o di sbagliare qualcosa nel parlargli in inglese (giocandovi così per sempre un futuro posto di lavoro) non lo chiamerete mai.

E il turplinatore sa pure che voi se cercate il numero telefonico dell’albergo londinese lo troverete diverso perché probabilmente quello è recapito telefonico personale dell’Executive HR Officer, riservato proprio alle nuove assunzioni.

E sa pure che le telefonate internazionali per l’Inghilterra costano parecchio e chi è alla disperata ricerca di un posto di lavoro preferisce il contatto via email anziché sperperare i propri soldi in costose telefonate dalla dubbia utilità.

E sa pure che voi, dall’Italia, non sapete distinguere un numero di telefono fisso inglese da un numero di cellulare inglese.

Motivo: la prima lettera di presentazione e il relativo questionario allegato sono proprio quello che un candidato si aspetta di ricevere dopo avere inviato un C.V. Entrambi sono scritti con molto equilibrio, anche se viene logicamente enfatizzato il rispetto che l’azienda pone nei confronti delle risorse umane, cosa che fa sempre piacere leggere e che porta istintivamente, ancora una volta, ad abbassare le difese.

Se invece ci fosse scritto “Noi pretendiamo molto ma vi paghiamo molto” non sarebbe la stessa cosa, il candidato diventerebbe molto più guardingo.

Contromisura: pensateci bene ancora una volta. Come avete già letto, avete scritto una lettera in italiano e vi risponde in inglese un Executive HR Officer che non si prende neppure la briga di sottoporvi ad un colloquio individuale via Internet? È possibile che la mancanza di tempo faccia tutto questo?

Controllate SEMPRE i recapiti telefonici: essi corrispondono ai recapiti telefonici ufficiali dell’azienda che dovrebbe assumervi? Inserite i recapiti telefonici in un motore di ricerca e se il truffatore è recidivo ne leggerete delle belle, purtroppo per voi.

Altra contromisura, semplice semplice, è quella di aprire il codice sorgente del messaggio (CTRL+U se utilizzate Thunderbird… perché voi utilizzate Mozilla Thunderbird, non è vero? Mi raccomando!). Qui scoprirete che il farlocco Responsabile delle Risorse Umane ha soltanto in apparenza un recapito “ufficiale” dell’albergo, perché leggerete nei codici un “recruit.parkplaza @gmail.com o un “recruit.parkplaza @hotail.com” che non ha proprio ragione di esistere!

L’indirizzo è quindi fasullo: voi leggete un “careers @parkplaza.co.uk” ma in realtà è un re-indirizzamento a “recruit.parkplaza @gmail.com”.

Ancora una volta, se vi recate sul sito ufficiale dell’albergo e cercate nei contatti, scoprirete che invece tutti i loro indirizzi veri terminano con @pphe.com.

E mi sembra anche giusto, un cliente non dovrebbe digitare mai due dozzine di caratteri in un indirizzo email!

Va bene, potrebbe essere anche un indirizzo dedicato alle nuove assunzioni, ma se poi in effetti termina con @gmail.com , con @hotmail.com, con @yahoo.com o simili, allora l’inghippo è palese.

Che cosa c’è scritto sul questionario?

Tattica: il questionario allegato è una raffinata combinazione di semplicità (non deve spaventare il “pollo” di turno) e di completezza (deve dare sempre una certa parvenza di ufficialità). Ci sono tutte le domande che qualsiasi persona alla ricerca di un lavoro si aspetterebbe di trovare, qui e lì ci sono degli errori ortografici ma quando un candidato lo compila presta più attenzione a non commettere propri errori che a verificare quegli altrui.

Motivo: ho già scritto prima a che cosa serve il questionario. Purtroppo qui i candidati più… candidi scrivono anche delle informazioni che potrebbero essere utilizzate per altri scopi (sempre malefici) dal truffatore, quindi chi ha ordito la trappola sa già tutto di voi ma voi non sapete nulla di lui.

Contromisura: osservate bene il questionario, con calma. Leggete bene le domande e mettetevi dall’altra parte. Sono veramente valide per comprendere che siete proprio voi il candidato ideale per quel posto di lavoro?

Piccolo aneddoto. Subodorando l’imbroglio, mi sono divertito a rendere al truffatore pan per focaccia, sia per fargli perdere del tempo in modo da non attaccare altre vittime e sia per vedere come sarebbe andata a finire la cosa.

Non sono stato quindi sincero, addirittura alla domanda relativa al “Marital Status” ho scritto che ero coniugato ma che volevo scapparmene via da mia moglie, ho spesso rimarcato che… non conosco bene l’inglese!, ho risposto ad una domanda… in italiano!, ho persino risposto alla domanda “When was the last time you were angry? What happened?” “Now I’m angry. My wife is feeding the dog with food for humans and not with its crunchy …”!

La cosa sembrava finita lì, ma… sorpresa!

Arriva il contratto da firmare! Un vero affare?

Tattica: quattro giorni dopo, vi arriva incredibilmente una email con un contratto di lavoro da firmare!

Se siete alla disperata ricerca di un lavoro e non avete neppure delle briciole di pane da mettere sulla vostra tavola, ecco che la Divina Provvidenza vi risarcisce, interessi compresi, di tutte le privazioni subite nella vostra vita con una proposta di contratto favolosa! Favolosa, appunto…

Vediamo che cosa c’è scritto nella lettera.

We want to use this medium to inform you that oral interviews could not take place due to limited time frame among other reasons. The selection process is strictly based on screened Resume/Curriculum Vitae (CV) and response to questions in our Interview Form with reference to work experience. The management board of Park Plaza Westminster Bridge London are delighted to offer you employment. This decision has been reached after thorough examination of your Resume/Curriculum Vitae (CV) with reference to your work experience and full verification of all information provided. Attached to this mail is the Employment Agreement from Park Plaza Westminster Bridge London. Please you are required to review this Employment Agreement and if you find the terms and conditions stated therein favourable, kindly print out the last page of the Employment Agreement and write down your name and signature in the space provided after which you are required to scan and send the scanned copy back to us via e-mail attachment.

Capito? Il consiglio di amministrazione, causa mancanza di tempo, ha selezionato proprio voi semplicemente inviando loro un C.V. in italiano e un questionario con delle risposte che dovrebbero perlomeno perplimere…

La lettera si conclude con un

Further details of your employment proceedings shall be communicated to you on receipt of the scanned copy of your Employment Agreement.

che lascia adito a poco margine di ripensamento! Signori, c’è il contratto di lavoro! Leggiamolo perché è fatta!

Motivo: il contratto di lavoro allegato, in .PDF che riporta il vostro nome e cognome nel titolo, riporta anche delle condizioni che neppure il più ottimista di voi avrebbe mai osato sperare! Scritto su carta intestata, con la sua bella filigrana, questo contratto di lavoro da firmare è redatto in un “legalese amichevole”, ecco i passi salienti.

Prima di tutto, il benvenuto:

Welcome to Park Plaza Westminster Bridge London. We hope you enjoy your employment with us. Park Plaza Westminster Bridge London is represented by the Board of Directors and the Human Resource Manager of Park Plaza Hotels and Resorts to provide you with a written employment contract to enhance administrative stability and continuity within Park Plaza Westminster Bridge London and we believe that a contract to serve as the basis of effective communication between the Management of this Hotel and you the employee as you fulfill your administrative functions in the operation of Park Plaza Westminster Bridge London.

Poi la prima bella notizia: cinque anni di lavoro sicuro, che potrebbero diventare addirittura sette se fate i bravi!

Park Plaza Westminster Bridge London hereby employs you as one of its (Worker) and you agree to serve in such capacity, for the period of five (5) year beginning from (28-09-2015) and ending on the date on which your employment is terminated (24-04-2020). If the Management of Park Plaza Westminster Bridge London does not notify you in writing before (24-04-2020) that your employment contract will not be renewed, it shall be deemed that Management has renewed your employment contract for two (2) years extending from the termination date set forth above.

Cinque anni di lavoro sicuro… e chi te li dà in Italia? Forse neppure un impiego come becchino al cimitero comunale di Lampedusa!

Ma il pezzo forte arriva in prima pagina di contratto, bello evidente.

Your starting basic monthly net salary will be £3,250.00GBP per Month after all tax has been deducted. Any bonus or declarations of bonus shall be made at the sole and absolute discretion of the Hotel. In exceptional circumstances, you may be eligible for paid Overtime, at the rate shown in the published Hotel Overtime Policy, for work carried out beyond your normal working hours. Such payment will be authorized in advance by your Manager.

Avete letto bene, anche se in un inglese non preciso: non sono Lire 3 e 25 centesimi, sono 3.250 sterline nette al mese, pari a quasi 4.000 euro! Un povero disoccupato che legge uno stipendio mensile così alto manco si chiede se c’è la tredicesima o la quattordicesima o se ci sono gli assegni famigliari… Prende almeno dieci siti di calcolo del cambio valuta e li utilizza tutti, sperando di non avere le traveggole! Bene, 3.250 sterline nette al mese in Italia un impiegato o un operaio se le sogna! Roba da indurre una grande speranza luminosa in cuori bui e tristi che finalmente possono tornare a sorridere! Proseguiamo: con la mente ancora abbagliata dal favoloso stipendio mensile, leggiamo che c’è giustamente un periodo di prova, tutto pagato:

c) During the one (1) month Probationary Period the Employee is entitled to full compensation and benefits. This includes full salary including allowances and bonuses.

Poi leggiamo che c’è una sezione che riassume i propri compiti alberghieri, poi una sezione di “Compensation and Benefits” nella quale ci sono dei bonus produttivi mai sperati prima, ma soprattutto le belle notizie continuano con

Employee shall be entitled to up to forty two (42) days of Paid Vacation

ben 42 giorni di ferie pagate! E le belle notizie (mentre davanti agli occhi vi hanno fatto ballare cifre, percentuali, retention bonus, incentive bonus, rimborsi spese di quasi ogni tipo, un mese di salario pagato in anticipo) trovano conferma nel fatto che il datore di lavoro è un albergo, ecco l’asso nella manica di una città che è carissima e nella quale gli alloggi dovrebbero costare un occhio della testa.

The Employee is expected to reside at the Park Plaza Westminster Bridge London Staff Quarters during the first year of service as this will enable the Employee settle down properly on the job and also familiarize with the working environment within the shortest period of time. After the first year of service at Park Plaza Westminster Bridge London, the Employee may decide to continue to reside at the Park Plaza Westminster Bridge London Staff Quarters or relocate. There are single bedrooms, double bedrooms and duplex options available for the Employee to choose from. Family Package Status is also available for employees that wish to relocate with family.

Quindi si ha diritto ad un anno di alloggio (e che alloggio in un albergo di categoria lussuosa!), anno prorogabile, per tutti i 5+2 anni del contratto, si può scegliere la tipologia e poi l’alloggio può persino essere messo a disposizione della famiglia del dipendente! Niente spese di acqua, luce, gas e condominio e, per quanto riguarda Internet, gli alloggi“are fully equipped with modern home facilities including telephone and internet services“!

Il truffatore ha proprio pensato a tutto perché nel contratto ci sono 3 pasti al giorno gratuiti, divise di lavoro con relativi costi di lavanderia pagati, sconti presso 2.600 rivenditori, eccetera.

Employee is entitled to meals free of charge at the general staff canteens three (3) times daily. Laundry of uniforms or work attire, staff rates across international properties, friends and Family rates across international properties, recommends a friend employment rewards and discounts with approximately 2600 retailers

Dopo diversi dettagli su “Reimbursements of Expenses, Ethical Conduct, Termination of Employment, Confidentiality and Non-Disclosure Covenants, Indemnification, Complete Agreement, Governing Law, Severability, Counterparts, Arbitration”, in penultima pagina del contratto c’è il sospirato spazio dove apporre la propria firma di accettazione.

Da notare che a contornare la firma del lavoratore appare anche la firma di Daniel Pedreschi, General Manager del Park Plaza, assieme all’ovvia firma di Andrew Gifford.

Ovviamente questo signore esiste veramente, lavora (o ha lavorato) presso il Park Plaza ma è all’oscuro di tutto.

Contromisura: osservate bene il contratto, con calma. Vi propongono 5+2 anni di lavoro, che ne valgono almeno il doppio rispetto all’Italia.

Vi propongono uno stipendio elevatissimo che non ha ragione di essere perché se fosse reale c’è da chiedersi perché tutti i nababbi del Braccio di Orione pernottano ogni sera nelle 1.019 camere dell’albergo e quanto prende al mese in quella struttura il vice-sotto-lavapiatti emigrato dalla Papuasia (con tutto il rispetto per i vice-sotto-lavapiatti, ovvio). Ci sono 42 giorni di ferie che ci consentono di tornare in Italia e far sentire “gli altri” dei pezzenti, ci sono benefit che sicuramente incrementeranno vertiginosamente lo stipendio (e non fa nulla che non è indicato un orario di lavoro, con quello stipendio l’omissione siamo disposti tutti ad accettarla), c’è un alloggio favoloso a condizioni favolose, ci sono 3 pasti al giorno gratuiti (e non fa nulla che sappiamo tutti che in Inghilterra si mangia peggio che in Italia, con quello stipendio possiamo andare al ristorante un giorno sì e l’altro pure), divise di lavoro con relativa lavanderia pagata, sconti presso 2.600 rivenditori, eccetera.

Insomma, tirando le somme, non vi sembra un po’ troppo? A me sembra troppo, anche se la firma di Daniel Pedreschi, General Manager del Park Plaza, dona un ulteriore tocco di ufficialità. A proposito, come ho trovato suggerito su Internet, sappiate – nel caso siate incappati in altri annunci – che una firma in inglese non verrebbe mai apposta con il cognome prima del nome. A me tutto questo sembra troppo, anche perché difficilmente la media dello stipendio di un lavoratore in albergo supera le 2.000 sterline al mese, per quanto sia cara la città di Londra. A me sembra troppo tutto questo, se consideriamo che si offre un favoloso posto di lavoro ad una persona che non si è mai vista, con la quale non si è mai parlato, con la quale non si sa la sua conoscenza della lingua inglese, con la quale non si sa la sua effettiva esperienza lavorativa. Detto questo, ho quindi inviato tramite e-mail il pomposo modello con una mia firma falsa accanto a quella dei falsi responsabili dell’albergo. Dopo due giorni (notate che non vi danno il tempo di ripensarci) ecco che si scopre il gioco.

Arrivano le pratiche per l’emigrazione del lavoratore, quanto costano?

Tattica: ed ecco che entra in campo l’imprevisto (per voi), la cosa che sicuramente vi farà riflettere sulla veridicità del posto di lavoro. Ci scrive Adam Berthoud, Processing Officer della ActionVisas (UK) Limited, persona che esiste veramente ma che nulla ha a che fare in questo sporco raggiro. Anche la sua finta email è quasi uguale a quella vera, la differenza è tutta in un trattino alto. Prima di tutto ci presenta la sua compagnia.

ActionVisas (UK) Limited is a truly global company, formed by the merger of immigration leaders of all continents and the internal expansion. ActionVisas (UK) Limited can boast of over 60,000 successful immigration cases completed worldwide over our collective history and hundreds of years of immigration experience on staff. ActionVisas (UK) Limited is now one of the largest immigration firms worldwide and a clear leader in technology and service innovation. This email is in reference to the application and issuance of all immigration documents required for you to legally live and work in the United Kingdom. We have been contacted by your employer, The Park Plaza Hotel, in this regard and they have sent to us your Letter of Sponsorship and Employment Contract in accordance with the amendment to the Immigration, Asylum, and Nationality Act 2006, effective from 29 February 2008 which clearly stated that all employee seeking to work in the United Kingdom who are currently Non-Resident in the United Kingdom are required to provide proof of the Right to Work in the United Kingdom. Herewith are detailed information regarding the application and processing of all required immigration documents. We currently act for over 50 multinational corporations, taking in almost every area of commercial activity is an indication of our flexibility, adaptability and success in meeting the varied immigration needs of the corporate world’s growing, diverse business immigration service needs. Our founders, principals and professional immigration talent are recognized as opinion leaders internationally. Moreover, ActionVisas (UK) Limited acts exclusively as the preferred immigration services provider to international relocation companies, top ranking accounting practices and international law firms..

La compagnia che si occupa di visti, permessi per l’espatrio e roba di questo genere (ma dovrebbe occuparsi pure meglio dell’ortografia…) è stata “ovviamente” incaricata dall’albergo di iniziare le pratiche della emigrazione del lavoratore che ha firmato il contratto quinquennale.

Your employer Park Plaza Hotel London has asked us to contact you on requisite information required to process supporting documents that would aid your travel down to your duty location to resume duties in record time. However included herewith are details and information regarding procurement of your travel documents and other supporting documents. The reason for the review of this policy as communicated by the DER is to ensure that expatriates without Letter of Contract do not have to travel down to United Kingdom for any other reason other than the primary aim of commencement of work as required.

Ed ecco la mazzata. La pratica dell’emigrazione del lavoratore ha un costo, che cosa vi credevate? Che in mezzo a tanto ben di Dio il Park Plaza vi facesse pure le pratiche di emigrazione gratis?

The DER Certifications will cost you the following:

  1. DER Application Form/Approval – £94.00GBP
  2. Flight Ticket and Visa Application fee – £920.00GBP (will be paid by Park Plaza Hotel London) Work/Resident Permits Registration fees:
  1. Expatriate Work Permit – £140.38GBP
  2. Foreign Affairs Certification – £120.10GBP
  3. Workers Registration Scheme (WRS) – £100.80GBP
  4. National Insurance (N.I) – £105.50GBP
  1. DER Expatriates Quota Approval Charge in relevant categories £197.63GBP (will be paid by Park Plaza Hotel London)

Total £560.78GBP (To be paid by you)

Please note that the cost of Visa and Prepaid Flight Tickets has been undertaken by your employer also.

La tattica è chiara. Il truffatore sottolinea i costi che si assume l’albergo e tende a minimizzare i pesanti oneri che si sobbarca il lavoratore. Notate il prezzo del biglietto aereo a carico dell’hotel (che si presume di sola andata): ben 920 sterline. Se consultate il sito di una compagnia aerea che fa scalo a Londra Stansed scoprirete che il costo del biglietto di sola andata, nel periodo di contratto, è di neppure 100 sterline. Va bene, mettiamo anche altre 100 sterline tra bagaglio dell’emigrato, tasse aeroportuali e spese accessorie varie, arriviamo quindi a quasi 200 sterline. E le altre 720 sterline il truffatore come le giustifica? Vuole farci prendere un volo transoceanico di prima classe con piscina refrigerata e ragazze pon-pon? Il truffatore doveva pure compensare l’alto costo delle varie pratiche raffrontato al biglietto aereo, ma qui per me ha commesso un errore.

L’email prosegue con una serie di istruzioni riguardanti i documenti necessari per lavorare, ma ecco il nocciolo della questione.

However as regards your payment, the UK Visas and Immigration have instructed that all payment should be made directly to them.The UK Visas and Immigration have instructed that application and processing charges should be made via International Wire Transfer (Money Gram or Western Union Money Transfer). Transfer should be made with your name in the payment receipt as the sender. The money transfer should be made payable to their Accredited Account Officer (as the receiver) with the details stated below:

ACCREDITED ACCOUNT OFFICER: MR. David Alezie 2 MARSHAM STREET, LONDON, SW1P 4DF, UNITED KINGDOM

Quindi il pagamento non avviene tramite bonifico bancario internazionale (che lascia tracce) a favore dell’ActionVisas (UK) Limited o a favore del Park Plaza Hotel di Londra così come sarebbe logico, ma avviene tramite i servizi Money Gram o Western Union Money Transfer (che non lasciano tracce) verso un soggetto fisico, privato. La truffa a questo punto, passata l’iniziale incredulità per le speranze che si vedono sfumare, è evidente. Se non si paga, non si parte. Alla email sono allegati tre documenti in .PDF da compilare con scrupolo, “UK_WORK_PERMIT_APPLICATION_FORM”, “UK_VISA_APPLICATION_FORM” e “UK_FOREIGN_AFFAIRS_CERTIFICATE_APPLICATION_FORM”. Probabilmente questi modelli sono veri, ma per procurarseli è sufficiente scaricarseli da Internet.

Motivo: i documenti allegati, in .PDF, rafforzano l’idea dell’ufficialità e della legalità della richiesta di denaro. Ripeto: una persona in difficoltà economiche è molto facile che abbocchi all’esca. Tutta la (falsa) macchina organizzativa (messa in piedi dal truffatore) riflette un’efficienza e una precisione che purtroppo non riconosciamo nella burocrazia italiana, tesa a strangolarci e non a salvaguardarci. Contromisura: documentatevi bene su Internet, con calma, in relazione al lavoro in Inghilterra. Servono davvero tutti quei documenti per lavorare all’estero? Le pratiche sono davvero così costose? Non siete voi cittadini europei e quindi per voi niente VISA per lavorare in una città europea? Purtroppo in queste situazioni la lucidità viene meno e la voglia di trovare un nuovo lavoro prevale su tutto. Vi faccio notare che, purtroppo, se chiamate il consolato inglese a Roma o Milano per ottenere informazioni sulla legalità di questi costi non otterrete un bel nulla, se non attese al telefono, istruzioni pre-registrate e suggerimenti di cercare sul loro sito. L’ambasciata se ne lava poi le mani, loro non trattano i visti e quindi non si degnano di rispondere ai vostri dubbi. Eppure per aiutare tanti nostri compatrioti a non cadere tra le grinfie del truffatore anglosassone basterebbe ben poco, magari un bel link che possa avere come ispirazione il presente articolo…

Arriva il momento in cui dovete chiedere una spiegazione

Tattica: se vi sembra finita qui, aspettate. Il truffatore ha solo gettato una prima esca, ma ce n’è una seconda! Infatti i soliti Andrew Gifford e Daniel Pedreschi vi scrivono poco dopo, avvertendovi che hanno fretta di chiudere la questione della vostra assunzione, prima con un amichevole (ma sgrammaticato) esordio:

Thank you for accepting our offer. we are indeed very pleased to have you as one of our member of staff and we look forward to your impending arrival.

Poi chiedono anche loro soldi, ma a titolo di cauzione rimborsabile per gli alloggi che si andranno ad occupare.

ACCOMMODATION TYPE AND SIZES: ONE (1) BEDROOM – £270GBP PCM {Per Calender Month} – 1 Bedroom, Modern Fitted Kitchen, Tiled Bathroom, Electric Shower.
Security Deposit to be paid by you – £590.00GBP

TWO (2) BEDROOM FLAT – £350GBP PCM {Per Calender Month} – 2 Bedrooms, Modern Fitted Kitchen, Dining Room, Tiled Bathroom, Electric Shower. Security Deposit to be paid by you – £620.00GBP

TWO (2) BEDROOM FLAT – £480GBP PCM {Per Calender Month} – 2 Bedroom (1 Double Bedroom 1 Single Room), Modern Fitted Kitchen, Dining Room, Tiled Bathroom, Electric Shower, Garage, Garden. Security Deposit to be paid by you – £650.00GBP

THREE (3) BEDROOM FLAT – £550GBP PCM {Per Calender Month} – 3 Bedrooms, Modern Fitted Kitchen, Dining Room, Tiled Bathroom, Electric Shower, Garage. Security Deposit to be paid by you – £670.00GBP

THREE (3) BEDROOM FLAT – £650GBP PCM {Per Calender Month} – 3 Bedrooms (2 Double Bedroom 1 Single Room), Modern Fitted Kitchen, Dining Room, Tiled Bathroom, Electric Shower, Garage, Garden. Security Deposit to be paid by you – £690.00GBP

FOUR (4) BEDROOM FLAT – £880GBP PCM {Per Calender Month} – 4 Bedroom (3 Double Bedroom 1 Single Room), Modern Fitted Kitchen, Dining Room, Tiled Bathroom, Electric Shower, Garage, Garden. Security Deposit to be paid by you – £720.00GBP

Per facilitarci la vita, dovessimo essere i nipoti prediletti di Attila (ecco lo svantaggio delle assunzioni tramite email…), i due manager ci propongono il solito metodo di pagamento alla solita persona dell’Ufficio Immigrazione (o Emigrazione, dipende dai punti di vista). Un solo pagamento, comodo, no? Voi dovete occupare il loro alloggio ma i vostri soldi della cauzione li dovete dare invece ad un terzo, un funzionario parastatale o giù di lì… boh…. Motivo: la seconda esca (la lettera di richiesta cauzione alloggio) ha un motivo preciso. Si spara nel mucchio, sperando di spremere al malcapitato quanto più è possibile. Le truffe sulla pelle di chi vorrebbe migliorare la propria condizione di vita non finiscono mai.
Contromisura: la truffa ormai è evidente. Un albergo vi offre mari e monti e poi vi richiede una cauzione per improbabili danni ai suoi alloggi? Non vi sembra tutto così assurdo?
Nel frattempo, ho inviato questa email al falso Adam Berthoud, Processing Officer della ActionVisas (UK) Limited.

Dear Sir,
I have downloaded the mail this morning but surely there was a mistake on your part in my practice.
I have no need of Visa or any other document because I am a European citizen and therefore do not have to send forms or overpayments.
I await my paied flight ticket by the Park Plaza Westminster Bridge Hotel, thanks.
Best regards.

E ho inviato anche questa email ai falsi Andrew Gifford e Daniel Pedreschi del Park Plaza Westminster.

Gentlemen,

please wait for the payment of my deposit as Mr. Adam Berthoud made a mistake in my practice. I have no need of Visa or any other document because I am a European citizen and therefore do not have to send forms or overpayments. I await my paied flight ticket by the Park Plaza Westminster Bridge London Hotel, thanks. Best regards.

Non mi hanno più risposto. Riuscirò a farmi un viaggio a Londra, a spese del truffatore?

Conclusioni

Avrei potuto denunciare la truffa alla Polizia Postale senza problemi. Ma dubitavo che la mia denuncia potesse servire a qualcosa e allora ho preferito impiegare il mio tempo a condividere questa esperienza su Internet, in modo che qualcuno legga quanto ho scritto e non cada nella trappola di gente senza scrupoli. Ricordate: nessuno vi assumerà MAI rispondendo ad una semplice email, senza colloquio e senza un bel nulla. Anche se siete di madrelingua inglese, belli, biondi, alti, con gli occhi azzurri e se avete 50 anni di esperienza…

11 Responses to “Lavoro in Inghilterra: come costruire una truffa e come smontare tutto l’imbroglio”


  • Mozilla Firefox 41.0 Windows 7

    Ho letto tutto d’un fiato questo racconto-manuale.
    Complimenti per aver dubitato sulla veridicita’ complessiva evitando il peggio. Sono convinto che molte altre persone in cerca di lavoro hanno abboccato e non sono qui a raccontare il loro antidoto…

  • Mozilla Firefox 22.0

    Non fatevi abbindolare con queste false inserzioni di lavoro! E’ tutto uno scam come i contratti di alloggio e i posti favolosi da infermiere con retribuzioni stellari.

  • Safari 600.1.4 iOS 8.4

    I have been fooled by “Andrew Gifford” who claimed he was an HR Officer, “Daniel Pedreschi” General Manager, “Adam Berthoud” as Active-Visas consultant. They posted a Job opening here at Jobsbulletin.ph and indeed.com that they were in need of passionate insividuals who were highly equipped in Hospitality industry, Since I’m seeking for a job and experienced in field of Hospitality I tried to pass a CV. after 1 week, Gifford told that they received my application so they gave me an Interview questions and then Im going to answer it through written. After 2 days they gave me an employment Agreement. And happily signed the contract, scanned it and sent it back to them. After 1 day, Berthoud who introduced that he was an Active-Visa Consultant He explained to me about the processing of immigration documents and also the payments. Flight ticket, Visa fee, Expatriate residency will be shouldered by Park Plaza but the certifications to qualify myself to work in London will be paid by me. It costed 585.78 GBP. After 3 days, August 24 2015, I paid it to the name DAVID ALEZIE who Berthoud told that he was an “Account Officer” and an Immigration consultant. Since I thought that it was legitimate because the contract and everything seemed really really true. I searched and searched about these people involved and in web they seemed “real” because they had their names on LinkedIn.com. Last night I found out from FB that there was someone asked about them on Fb named Edy and I read that your company said that no Andrew Gifford, Daniel Pedreschi were working with you. And then I emailed them again but it says “delivery message to recepient failed permanently” I dont know how they can access to legit websites, and Can you please investigate the people behind it especially those people who claimed that they are from famous hotels. I hope that you’ll be alert on the said scam so it will be stopped because Likewise with many who get fooled, The money that we gave came from the blood of hardwork and perseverance.

    -From Philippines

  • Mozilla Firefox 40.0 Windows XP

    Un grande e bell’articolo miki64, stavo per accettare anch’io questa offerta e per fortuna ho guardato prima il web. Questi truffatori dovrebbero scontare con la galera i soldi che rubano ai poveri disoccupati.

  • Mozilla Firefox 40.0 Linux

    Anch’io stavo per cascare nella rete di una truffa simile ma, grazie al tuo articolo miki64,ho fatto in tempo a svincolarmi da questa grande presa per i fondelli. Oggigiorno già non c’è lavoro in più c’è gente che ti vuole sfilare soldi.
    Adesso sto molto più attento agli annunci,grazie

  • Mozilla Firefox 43.0 Windows 7

    Grande miki64 come sempre.

  • Mozilla Firefox 47.0 Windows 7

    Sottoscrivo Ronnie 91. Mi sono divertita soprattutto alla fine, per il raffinato modo con cui gli hai tolto la maschera, e immaginando il loro disappunto. E mi spiace per Belle nelle Filippine. Io li avrei anche segnalati per mail alla Polizia Postale, non perché io creda che avrebbero fatto qualcosa anche nel caso in cui tu ci fossi cascato, ma per il gusto di concludere la corrispondenza coi truffaldini mettendoli in cc.Però si sa, noi donne siamo perfide!! Ciao

  • Safari 602.1 iOS 10.0.2

    Buon giorno,
    Grazie tante.
    Ho avuto un offerta da Londra ( Brompton glass ) contratto firmato sia dall’azienda che da parte mia.
    Teoricamente devo iniziare 01/11/2016. Il fatto che mi chiedono di anticipare ( la caparra ) per la camera. Il suo mail è jobs@bromptonglasscareers.co.uk
    Mi hanno chiesto di mandare i soldi tramite moneygram. Non ho creduto, ho risposto, no paga quando arrivò a Londra fisicamente. Lui mi ha risposto, lunedì mi aspetta
    BROMPTON GLASS
    302 OLD BROMPTON ROAD
    LONDON,
    SW5 9JF,
    ENGLAND

    Cosa pensate, spendo i soldi che non ho, per andare a Londra? Si presenterà il signor
    STONE WALKER
    DEVELOPMENT MANAGER
    BROMPTON GLASS

    Già mi ha fatto perdere altre offerta di lavoro.
    Grazie aspetto vostro consiglio.

  • Mozilla Firefox 38.9 Windows 7

    Caro Manuel,
    comprendo perfettamente la tua voglia (e il tuo bisogno) di lavorare e di fare sacrifici, anche trasferendoti all’estero.
    Ma la comprendono pure i truffatori nelle reti dei quali non bisogna mai farsi impigliare!
    Hai citato un classico caso di truffa evidente (anticipo di soldi, MoneyGram, eccetera). Ti mettono fretta per non farti ripensare, sanno quanto tu ci tenga ad occupare un buon posto di lavoro (sicuramente ti hanno prospettato un buon, se non ottimo se non eccellente, posto di lavoro, vero?) e quindi creano la trappola (profili Facebook/Linkedin/Twitter, indirizzi di posta elettronica) ad arte.
    Chiediti come mai in loco – nel grande Regno Unito – non trovano da assumere una persona che non abbia le tue caratteristiche…
    Ho detto tutto, no?
    Da parte mia, ringrazierò per sempre il mio caro amico Gialloporpora che, ospitando la mia esperienza su questo piccolo blog, ha permesso di evitare a più di un italiano in cerca di lavoro di incappare nella trappola di questi schifosi disonesti senza scrupoli.
    Sì, Manuel, è proprio una “scam” (truffa).
    Questo è il mio consiglio personale.

  • Google Chrome 56.0.2924.87 Windows 7

    ho letto giusto in tempo questo tuo articolo, stavo per cadere anche io nella truffa del park plaza…sono mesi che attendo delucidazioni maggiori, scrivo, chiedo id poter parlare in italiano con questo Daniel PEDRESCHI loro rispondono ma mi sembrava tutto così luccicante..bene, meglio così, grazie, pensa che stavo per lasciare il lavoro in Italia per questa truffa…

  • Mozilla Firefox 47.0

    Grazie, ho evitato anche io la truffa anche se con nomi e altri dati diversi, grazie mille a questo blog. Buona giornata. Giovanni.

Leave a Reply