Monthly Archive for maggio, 2007

LLOOGG: nuove statistiche per il blog

Su gentile concessione dello pseudotecnico, che mi ha mandato l'invito, sono rriuscito a registrare un account su LLOOGG, un nuovo servizio statistico sviluppato da Merzia (la stessa di Segnalo e Oknotizie). Con LLOOGG è possibile seguire cosa stanno facendo i visitatori sul blog in tempo reale, la pagina viene aggiornata di continuo riportando informazioni come provenienza, pagina visitata, browser utilizzato, risoluzione dello schermo e eventuali altre pagine visitate; è inoltre possibile vedere il resoconto con lo storico delle statistiche ed alcuni grafici che aiutano ad avere una visione delle variazioni dei dati nel tempo.

Il servizio di statistiche è molto essenziale, nulla a che vedere con le migliaia di possibilità di incrociare dati e creare rapporti di Google Analytics (che fra l'altro si è appena rinnovato nel look), ma proprio per questo è fatto su misura per le mie esigenze. Infatti a me l'unica cosa che interessa veramente è sapere da dove vengano i visitatori e quali sono le pagine più visitate, niente analisi di marketing e nessun obiettivo da raggiungere con banner pubblicitari. Per chi l'ha provato, LLOOGG assomiglia molto al servizio di statistiche offerto da Mybloglog durante i due giorni di prova della versione Pro. Io volevo fare una cosa simile usando PHP, ma non avendo conoscenze così profonde del linguaggio, ho accolto LLOOGG come fosse manna piovuta dal cielo.

Se qualcuno vuole un invito, io al momento ne ho due e se inserite un commento con una email valida ve lo posso mandare, se i richiedenti sono più di due qualcuno dovrà aspettare che me ne diano degli altri.

E siccome mi son sempre divertito a spiare i referer dei motori di ricerca, rispondo a chi stava cercando la barra degli indirizzi:

dove si trova la barra degli indirizzi in un browser

Per chi invece ha questi user agent mostruosi:


Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 6.0; Windows NT 5.1; SV1; Sgrunt|V109|301|S-735898167|dial; FunWebProducts; snprtz|S22846100000224|2600#Service Pack 2#2#5#154321|isdn; EmbeddedWB 14,52 from: http://www.bsalsa.com/ EmbeddedWB 14,52)
Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 7.0; Windows NT 5.1; SIMBAR Enabled; SIMBAR=0; SIMBAR={2B401343-6013-4818-93AE-5D422DA00601}; .NET CLR 2.0.50727; .NET CLR 1.1.4322; .NET CLR 3.0.04506.30)

è meglio se fa un giro con Spybot o Spyware Terminator :-). Ah, se lasciavate un commento ve l'avrei detto :-P.

Creare un plugin OpenSearch per il blog

Firefox 2.0 ed Internet Explorer 7.0 supportano il formato OpenSearch, cosa che, rende molto semplice creare un search plugin da aggiungere alla search bar di questi browser. Un plugin OpenSearch non è null'altro che un semplice file XML, contenente una serie di informazioni per istruire il browser a produrre una query al motore di ricerca a partire dal testo digitato nella search bar del browser stesso. Vediamo dunque come creare un plugin OpenSearch per il nostro sito/blog e successivamente due metodi per permettere ai visitatori di aggiungere il motore di ricerca del nostro blog alla search bar dei loro browser.

La sintassi utilizzata nel file XML non è molto complicata, in ogni caso, esiste un'ottima estensione per Mozilla Firefox che permette di creare il file XML con pochi click anche senza conoscere assolutamente nulla sulla sintassi utilizzata dai plugin OpenSearch (a dire il vero quando ho creato il plugin per questo blog ignoravo dell'esistenza di questa estensione e avevo dovuto crearmelo a mano :-P).

Creazione del file XML

Come ho appena detto, inutile perdere tempo ad imparare la sintassi utilizzata per creare un plugin OpenSearch, quando si può fare tutto con tre click del mouse. Ecco come fare:

  • se non lo si sta già utilizzando scaricare Mozilla Firefox (link nella sidebar);
  • installare OpenSearchFox e riavviare il browser;
  • andare nel box di ricerca del proprio sito/blog e cliccare col tasto destro del mouse, quindi selezionare la voce: “Aggiungi un plugin OpenSearch per questa ricerca”;
  • partirà un Wizard che vi guiderà passo passo alla creazione del plugin, basterà scegliere un nome adeguato per descrivere il motore di ricerca utilizzato e un’icona 16×16 che verrà mostrata nella barra di ricerca per identificare il plugin (la favicon del vostro blog è una buona scelta);
  • selezionare il plugin nella barra di ricerca di Firefox ed effettuare qualche prova per controllare che il plugin creato effettivamente funzioni;
  • andare nella cartella del Profilo di Mozilla Firefox, quindi nella sottocartella searchplugins e copiare il file XML da qualche parte;
  • uploadare il file XML sul proprio spazio Web.

Bene ora ci sono due modi possibili per far installare il plugin OpenSearch ai visitatori del nostro sito/blog. Indicherò con indirizzo_plugin_opensearch il percorso del file XML, nel mio caso è:

http://www.gialloporpora.netsons.org/ searchplugins/gialloporpora.xm

Inclusione negli header

Il primo metodo è quello di inserire fra i tag <head> e </head> una riga di codice che informerà il browser della presenza di un plugin OpenSearch installabile. Ad esempio Firefox, una volta riconosciuta la presenza del plugin OpenSearch, mostrerà un'aureola nella barra di ricerca e dal menu a tendina sarà disponibile una voce "Aggiungi nome_plugin ai motori di ricerca", basterà selezionarla per aggiungere il plugin:

Aggiunta di un search plugin in Mozilla Firefox 2.0

La riga da aggiungere nell'head è la seguente (sostituire le voci in grassetto con igiusti valori):


<link rel="search" type="application/opensearchdescription+xml" title="nome_plugin" href="indirizzo_file_XML" />

Per chi usa Simple Php Blog, il codice deve essere inserito nel file index.php che si trova nella home.

Installazione mediante link javascript

E' anche possibile creare un link Javascript per fare in modo che cliccandoci sopra venga installato il plugin OpenSearch, in questo modo:

favicon Installa il plugin di ricerca per questo blog

Il codi ce da utilizzare è il seguente ((ricordarsi di sostituire indirizzo_file_XML con l'url del file XML):

<a href="javascript:if (window.external) {window.external.AddSearchProvider( 'indirizzo_file_XML' )} else {alert('Il tuo browser non supporta i plugin OpenSearch.\nperché non installi Mozilla Firefox ?.');};;">Aggiungi questo motore di ricerca alla search bar del tuo browser</a>

Conclusioni

Personalmente credo che inserirlo nell'head sia la cosa migliore in quanto viene automaticamente riconosciuto dai browser in grado di installarlo,, anche se, c'è da chiedersi quanti conoscano il significato dell'aureolina che appare nella search bar, e quindi quanti possano effettivamente accorgersi della presenza di un plugin da installare. L'inserimento di un link vicino al box di ricerca del tipo "Aggiungi il motore di ricerca di questo blog alla search bar del tuo browser" potrebbe aiutare sicuramente il visitatore ad accorgersi di questa possibilità.
Detto questo, quanti secondo voi lo installeranno ? Secondo me, pochissimi, forse nessuno, comunque visto che la sua creazione porta via solo pochi minuti tanto vale aggiungerlo.
A me è comunque tornato utile per cercare cose che non mi ricordavo, ma che sapevo di aver annotato sul blog,, oppure per ricercare i vecchi post da aggiornare.

Impostare una firma in Thunderbird

Questo post è per rispondere a coloro (e sembrano tanti) che approdano su questo blog cercando “come impostare una firma con Thunderbird”. Prima di spiegare come si fa però, dico a tutti coloro che hanno cercato la risposta con Google, che per questo tipo di domande esiste un motore di ricerca addirittura più utile di Big G, ed è questo. La risposta la trovate anche nei bannerini antipixel che si trovano in fondo alla sidebar.

Iniziamo col dire che ci sono due tipi di firme in Mozilla Thunderbird, e l’utilizzo di una piuttosto che l’altra dipende essenzialmente dal tipo di composizione che si sta usando, se si spediscono email in puro testo (consigliato) bisogna utilizzare una firma puramente testuale, se invece si mandano le mail in formato HTML bisognerà utilizzare una firma formattata usando il codice HTML.

Quindi prima di tutto è importante verificare il tipo di composizione con cui vengono spedite le nostre email, questa preferenza varia da account ad account, solitamente viene impostata una composizione in HTML per i normali account di posta e una composizione di email puramente testuale per i newsgroup. Questa preferenza si imposta in:

Strumenti -> Impostazioni account -> Nome account -> Composizione ed indirizzamento

togliendo o mettendo la spunta alla voce “Componi i messaggi in HTML” a seconda che si vogliano inviare email in plain text (puro testo) oppure in HTML.

Firma in puro testo

Nel caso si scelga di comporre i messaggi in puro testo, per impostare una firma è necessario creare un file TXT che contenga la firma desiderata. , utilizzando un editor testuale come Crimson Editor o NotePad++ (no Writer, no Word e nemmeno Wordpad). Una volta creato e salvato il file contenente la firma, andare in:
Strumenti -> Impostazioni account -> Nome account
e spuntare la voce “Allega questa firma”, quindi inserire il percorso del file TXT precedentemente creato.

NOTA: è importante che il file venga salvato con estensione TXT.

Firma in HTML

Se invece si decide di comporre i messaggi in HTML bisognerà creare un file (con estensione HTML) che contenga il codice necessario a riprodurre la firma stessa. Nella firma in HTML si possono utilizzare formattazioni del testo, immagini e tutto quello che vi passa per la testa di fare, bisogna però ricordare che la firma verrà allegata a tutti i messaggi quindi tenete sempre conto di questi criteri basilari durante la creazione di una firma HTML:

  • l’uso di immagini troppo pesanti crea problemi a chi deve poi scaricare la posta, nonchè ne rallenta la spedizione;
  • una firma non dovrebbe superare mai le quattro righe, e le immagini non devono essere quindi troppo grandi;
  • le GIF animate ad alcuni vostri contatti potrebbero dare fastidio, utilizzate onde possibile immagini in formato PNG.

Bene, ora per creare una firma in HTML bisognerebbe anche conoscere un minimo di HTML, se così non fosse procedere come segue:

  • aprire la composizione di un nuovo messaggio;
  • scrivere la propria firma usando il composer interno di Thunderbird, formattando a piacere il testo e inserendo opzionalmente un’immagine;
  • quando si è finito, selezionare il tutto e andare in Inserisci -> HTML;
  • selezionare il codice HTML che appare nella finestra e copiarlo in un editor di testo;
  • chiudere tutte le finestre di TB dicendogli di non inviare il messaggio;
  • nell’editor di testo in cui si è copiato il codice HTML della firma, salvare il file con estensione HTML.

Una volta che la firma è stata creata (mi raccomando il file della firma deve avere estensione .HTML) , procedere analogamente a quanto descritto per la firma in puro testo per impostare TB in modo da utilizzare il file appena creato come firma per i vostri messaggi.

Inserire la firma al volo

Si può inoltre avere l’esigenza di definire la firma manualmente a seconda che ci si trovi a mandare un messaggio ad un amico, piuttosto che ad un cliente o ad un collaboratore, in alcuni casi si potrebbe anche decidere di non inserire affatto la firma. In questo caso può tornare utile Signature Switch, un” estensione che permette di configurare una serie di firme da cui è possibile pescare di volta in volta semplicemente selezionando dal menu contestuale la firma che si desidera usare in quel determinato messaggio.

Firma casuale

Non conosco estensioni che permettano di utilizzare una firma “random” pescata da un archivio predefinito, però è possibile lo stesso raggiungere lo scopo. Thunderbird allega la firma leggendola da un file, e si può utilizzare un qualche programmino per fare in modo che questo cambi ogni TOT secondi, cambiando così la firma che Thunderbird inserirà nelle nostre email .

Un modo geniale per farlo, lo potete trovare su Mente digitale, l’unica cosa di cui avete bisogno è che sul vostro sistema sia installato Python :-). Volendo si potrebbe persino compilare lo script con py2exe, e utilizzare lo stratagemma anche senza avere Python sul proprio sistema.

AGGIORNAMENTO: come suggerito da Francesco nei commenti a questo post, esiste un’estensione che permette di implementare la firma random in Thunderbird: TagZilla.

La Microsoft non sa fare gli screenshot

Andrea Guida, si è accorto di un particolare stranissimo presente in questa pagina del Marketplace Microsof:, ad un certo punto l'autore della pagina deve aver esagerato coi plugin :-P, oppure si è distratto un attimo e ha fatto lo screenshot al browser che utilizza di solito per la navigazione :-):

Screenshot  di Firefox nel sito dei plugin di IE

Applicazioni utili: Ditto

Ditto è un software per Windows, magari poco conosciuto, ma una volta che ci si è fatta un po’ di pratica diventerà un compagno insostituibile. Cosa fa questo programma ? Ditto è un’estensione della clipboard di Windows, in pratica intercetta tutto ciò che viene copiato nella clipboard (CTRL-C) e ne tiene traccia in un database SQLite, rendendolo così accessibile in futuro per la consultazione.

A chi non è capitato di aver bisogno di un posto dove mettere delle note per poi usarle in un secondo momento ? Purtroppo la clipboard è monouso, il testo in essa copiato viene rimosso non appena viene eseguita un’altra copia, perdendo in questo modo il contenuto salvato in precedenza. Con Ditto invece, nulla di quello che viene copiato verrà perso e si potrà accedervi facilmente in ogni momento.

Se non si configura in modo diverso il software è predisposto per avviarsi automaticamente all’avvio di Windows posizionandosi nella System Tray. Per accedere alla pila dei contenuti della clipboard è sufficiente cliccare sull’icona nella System Tray, oppure utilizzare uno shortcut configurabile nelle Opzioni del programma stesso:

La pila di Ditto

Come si può notare dallo screenshot è anche possibile vedere un’anteprima delle immagini copiate.

La configurazione di base mi sembra ottimale e a parte la modifica dello shortcut per richiamarlo io non ho cambiato null’altro.

Altra cosa molto importante è la possibilità di ricerca nella pila dei contenuti digitando del testo nel filtro che si trova in basso alla pila stessa. Il software permette inoltre di inserire nuove note direttamente da un simpatico editor HTML.

Ci sono inoltre funzionalità avanzate di condivisione delle clip in rete, la trasmissione di queste informazione all’interno della rete avviene in modo cifrato, però io non ho mai usato queste funzionalità quindi non saprei dire molto a riguardo.

A dire il vero anche Firefox ha un’estensione che fa più o meno le stesse cose di Ditto, l’estensione in questione è Clippings, il vantaggio comunque di Ditto è quello di poter prendere note da molteplici software (editor di testo, Writer, client di posta, ecc), mentre Clippings funziona solamente con Firefox.

Sistema operativo: Windows
Download: Ditto 3.9
Licenza: Opensource
Dimensione: 1 MB

Greasemonkey userscript: Youtube HTML Valid

AGGIORNAMENTO: (6 maggio 2008) ho deciso di creare una versione modificata dello script che permette di copiare automaticamente in clipboard il codice HTML quando si clicca nella input box. Siccome non è possibile per uno userscript accedere alla clipboard di Firefox ho dovuto utilizzare un piccolo file SWF hostato su questo spazio Web scaricato da qui con licenza GPL.
Affinchè la copia in clipboard venga eseguita sono necessari i seguenti requisiti:

  • sia installata e attiva una versione di Flash;
  • questo sito sia raggiungibile.

A voi la scelta su quale versione usare. Ho comunque tenuto separate le due versioni, preferendo caricare un nuovo userscript piuttosto che modificare il precedente. Questo perchè capisco che a molti questa modifica potrebbe pure dare fastidio. La versione modificata con supporto al clipboard autocopy la trovate qui.

Ah, consigli su come migliorare le descrizioni in inglese degli userscript are greatly appreciated :-D .

AGGIORNAMENTO: (5 maggio 2008) lo script per Greasemonkey aveva smesso di funzionare, ora dovrebbe essere tornato tutto a posto (vedi commenti). La versione hostata su questo spazio Web non è aggiornata (e non lo sarà nemmeno in futuro :-P ), quella disponibile su userscript.org invece è stata aggiornata (e lo sarà anche in futuro).
Il sito di Andrea Micheloni – originale autore del bookmarklet – non è più disponibile. Se volete il bookmarklet e non lo user script usate questo.

AGGIORNAMENTO: ho caricato l’userscript su userscripts.org, lo potete installare da questa pagina.

Qualche settimana fa ho scoperto l’ottimo bookmarklet di Andrea Micheloni (che ringrazio) che permette di ottenere il codice HTML aderente agli standard W3C per embeddare un video trovato su Youtube in una pagina Web. Con qualche piccola modifica l’ho convertito in uno userscript per Greasemonkey (probabilmente funziona anche con Opera), in modo da rimpiazzare il codice fornito da Youtube con quello conforme agli standard generato dal bookmarklet di Andrea Micheloni.

Ora, non vale sicuramente la pena installare Greasemonkey per usare quest’unico userscript, e anzi vi consiglio di utilizzare direttamente il bookmarklet, ma nel caso la stiate già usando, e vi capiti spesso di inserire nei vostri Blog/siti un filmato di Youtube, potrebbe essere molto utile.

Installa Youtube HTML Valid

Codice standard fornito da Youtube
Usando Greasemonkey + Youtube HTML Valid, il codice cambia:
Codice valido per embeddare un video di Youtube

Evidenziare una discussione quando contiene messaggi non letti

In Thunderbird, quando le discussioni sono raggruppate, se in una di esse c'è un messaggio non letto non è così evidente; vediamo come evidenziare il capo thread di una discussione, se essa contiene al suo interno, un messaggio non letto.

Il codice da inserire nel file userChrome.css (o via Stylish) è il seguente:


/* Evidenziare una discussione quando al suo interno ci sono messaggi non letti */
treechildren::-moz-tree-cell-text(container, closed, hasUnread, read)
{
font-weight: bold !important;
text-decoration: underline;
font-style: oblique !important;
}

Discussione in evidenza quando contiene messaggi non letti

Si possono modificare anche i colori o altre proprietà usando opportunamente i CSS, ma questa mi sembra una buona scelta.

Altri post che potrebbero interessare:
Impedire a Thunderbird di modificare la visualizzazione ad albero delle discussioni quando si riordina,
Shortcut per passare velocemente dalla visualizzazione semplice a quella ad albero,
Come faccio a seguire un thread ? (esterno)

Sincronizzare un feed RSS con Twitter

Se qualcuno usa Twitter e volesse automaticamente inserire su Twitter un messaggio per annunciare un nuovo post sul proprio blog, Twitterfeed è quello che fa per voi. Una volta registrati (usando OpenID) basta inserire i dati di accesso all'account su Twitter e i feed che volete vengano sparati su Twitter.

Io ho fatto una prova iscrivendo tre feed:

  • il feed del blog;
  • il feed di coComment, cioè tutti i commenti che faccio non solo in questo blog;
  • il mio feed personale su Digg, quello che diggo.

Il risultato è questo:

Feed personale su Twitter.

Qualche modifica

Ho fatto qualche modifica al blog aggiungendo qualche piccolo script e aggiornato qualche vecchio post corregendo il codice HTML, ora dovrebbe essere tutto codice valido (ma non mi metto a rivalidare ogni singola pagina del blog :-P). Ecco l'elenco delle modifiche fatte:

  • ora nei commenti è possibile vedere il proprio avatar. Questo se si usa un indirizzo email registrato su gravatar. Grazie a @NoWhereMan (via drudo);
  • nella barra laterale ho aggiunto lo script di mybloglog che mostra gli ultimi visitatori (loggati su mybloglog), grazie ad Alex Microsmeta per il consiglio, cliccando sull’avatar si accede al profilo su mybloglog e da questo si può accedere al loro blog personale;
  • ho aggiunto i pulsantini per segnalare le notizie su Foxiewire e Digg, ma so benissimo che non servono a nulla. Quello di oknotizie lo riaggiungerò in futuro;
  • usando il bookmarklet Youtube Valid di Andrea Micheloni (che ringrazio per la creazione) il codice HTML dei video inseriti ora è validato;
  • Ho aggiunto le voci per tradurre il blog in francese e inglese anche se mi sa che le tolgo in quanto non credo possano tornare utili;
  • la barra di coComment è stata personalizzata usando questo trucco di Andrea Micheloni. Gli ultimi commenti si possono vedere in questa pagina (link anche sulla sidebar a destra). Non metto i commenti nella sidebar perché a mio avviso disturbano troppo e sarebbe un altro script da far eseguire;
  • sostituito il tagroll manuale con uno script di del.icio.us, che mi permette inoltre di mostrare una serie di articoli a mia discrezione da far apparire nella sidebar. Teoricamente, potrei anche usarlo per mostrare alla fine di ogni post gli “articoli che potrebbero interessare” ma per ora mi sembrano fin troppi gli script caricati quindi lascio perdere.

Se ci sono problemi con i commenti, potete rimuovere il plugin di coComment cliccando sulla "X" che si trova sulla destra della striscia appena sotto la textarea di commento:

Rimuovere striscia coComment

Mi piacerebbe provare a fare una pagina di presentazione ma per ora non ho tempo di pensarci, magari più avanti, anche perché un giorno mi convinco che sia meglio convertire il blog in Flatpress e il giorno dopo ritorno sulle mie decisioni e mi convinco che è meglio SPB.

L'unica cosa che mi dà veramente fastidio è che non riesca più a fare il claim del blog su Technorati :-P, ogni volta che ci provo:la risposta è sempre la stessa:

There was a problem claiming your blog. Please try again in a few minutes. You can also go to Technorati Help for help claiming your blog.

E questo mi dispiace perché da quando Technorati ha smesso di funzionare Blogbabel mi conta 9 links anche se in realtà sono 39:-P. Vabbè pazienza.

Nostalgy, aggiornamenti importanti

Io continuo a tenere aggiornato il relativo post, però le nuove funzionalità introdotte da Alain Frisch nella versione 0.2.11 di Nostalgy (in step successivi) meritano bene un approfondimento.

E’ stato rinnovato il look della finestra delle preferenze, ora sono disponibili tre linguette: Rules, Completion e Keys da cui si possono configurare rispettivamente:

  • le regole da applicare ai messaggi;
  • il funzionamento dell’autocompletamento;
  • la rimappatura delle scorciatoie da tastiera.

Nuove preferenze di Nostalgy

In questo modo è molto più semplice accedere alle impostazioni (nella prima versione che avevo presentato non c’era la possibilità di rimappare le scorciatoie da tastiera e autocompletamento e definizione delle regole erano raggruppate in una unica finestra). Ma fosse solo per questo di sicuro non avrei fatto un nuovo post :-P, vediamo quindi le novità davvero interessanti.

Integrazione con i tag di Mozilla Thunderbird 2.0

Come già detto la novità più interessante di Thunderbird 2.0 è il nuovo sistema di tagging dei messaggi e Nostalgy si è voluta adeguare dando la possibilità di gestire in modo semplicissimo le etichette.

E’ ora possibile premendo il tasto G impostare la vista della cartella corrente per mostrare solo i messaggi con una determinata etichetta (quello che a me mancava in TB, leggi anche alla fine :-D), naturalmente con l’autocompletamento sulle etichette. Per far riferimento ad una etichetta e non ad una cartella far precedere la digitazione nel form di autocompletamento dai : (due punti) Le scorciatoie S e C si comportano allo stesso modo con le etichette, permettendo di aggiungere o rimuovere un determinato tag dal messaggio. In caso di più messaggi selezionati Nostalgy decide il da farsi (aggiungere/rimuovere le etichette), basandosi sul primo messaggio, in pratica se il primo messaggio della selezione è sprovvisto di etichetta essa verrà aggiunta a tutti i messaggi, se invece ha l’etichetta essa verrà tolta a tutti i messaggi della selezione.

E’ inoltre possibile aggiungere direttamente una nuova etichetta senza andare nelle Opzioni di Thunderbird, se si digita ad esempio :nuovotag e si da invio si aprirà la finestra per la creazione della nuova etichetta, che verrà automaticamente aggiunta al messaggio.

Creazione nuovo tag

ALT-click alla Eudora

E’ possibile usare lo shortcut ` (backquote) per fare una ricerca per i messaggi dello stesso mittente. Faccio notare che non è il classico apostrofo presente nella tastiera italiana e anzi nella mia non è presente motivo per cui l’ho rimappato dalle preferenze di Nostalgy (la rimappatura ha effetto dopo il riavvio di Thunderbird). Questo shortcut è geniale e da solo varrebbe bene l’installazione dell’estensione :-).
La prima volta che viene premuto verranno visualizzati tutti i messaggi dello stesso mittente (nella cartella “Posta inviata dello stesso destinatario), se viene premuto una seconda volta tutti i messaggi con lo stesso oggetto e infine se lo si preme una terza volta si ritorna alla visualizzazione normale. Fantastico :-).

Impostazione di una scorciatoia per il quickmove del messaggio

E’ possibile configurare uno shortcut per spostare/copiare i messaggi in una determinata cartella, oppure anche per spostarsi in una determinata cartella (meno utile). Praticamente quello che si può fare con keyconfig seguendo queste istruzioni, che ormai non servono più :-P.

Configurare un tasto per il quickmove

Ah siccome avevo scritto una mail all’autore dell’estensione per chiedergli se era possibile impostare la vista delle cartelle per etichetta (salvo poi scoprire che era stata implementata nella release che stavo già usando :-P) cliccate su italian :-). , Gazie Alain :-D :-D.