Amico fragile

Sono riuscito a trovare su Youtube un a delle più belle canzoni di Fabrizio De André, quindi, un po' per cambiare tema e un po' per rovinare il risultato del validatore HTML inserisco il video di "Amico fragile". La canzone tratta della frivolezza dell'alta società e mi sembra che anche se sia stata scritta più di trenta anni fa resti sempre d'attualità, se guardate cinque minuti studio aperto, uno dei peggiori programmi della TV, ve ne farete un'idea :-P. Ah non arrivo a chiamarlo telegiornale perché secondo me non è un telegiornale :-P.

Con emule si trova anche una versione di questa canzone cantata da Vasco che inizia leggendo questo breve scritto, dove De André racconta cosa lo ha portato a scrivere questa canzone.

La versione cantata da Vasco è anche su Youtube a questo indirizzo, anche se manca la parte in cui Vasco legge quanto riportato qui di seguito.

Scrive Fabrizio De André

Stavo ancora con la Puny, la mia prima moglie, e una sera che eravamo a Portobello di Gallura, dove avevamo una casa, fummo invitati in uno di questi ghetti per ricchi della costa nord. Come al solito, mi chiesero di prendere la chitarra e di cantare, ma io risposi -«Perché, invece, non parliamo?». Era il periodo che Paolo VI aveva tirato fuori la faccenda degli esorcismi, aveva detto che il diavolo esiste sul serio. Insomma a me questa cosa era rimasta nel gozzo e così ho detto: «Perché non parliamo di quello che sta succedendo in Italia?». Macché, avevano deciso che dovessi suonare.
Allora mi sono rotto le palle, ho preso una sbronza terrificante, ho insultato tutti e sono tornato a casa. Qui mi sono chiuso nella rimessa e in una notte, da ubriaco, ho scritto "Amico fragile". La Puny mi ha stanato alle otto del mattino, non mi trovava né a letto né da nessuna parte, ero ancora nel magazzino che finivo di scrivere.

(Fabrizio De André)

3 Responses to “Amico fragile”


Leave a Reply